La Vrille - Vini e ospitalità - Valle d'Aosta
La Vrille - Vini e ospitalità - Valle d'Aosta

Azienda vitivinicola

LE NOSTRE CANTINE

La prima vinificazione in cantina è avvenuta nel 2005. Nella barricaia, con tetto a volta e ricoperta in pietra di Verrayes, avviene l’affinamento in tonneaux del Fumin, del Pinot Noir e del Vuillermin. Viene anche utilizzata come punto di degustazione, sala aperitivi e come locale per manifestazioni.

LE VIGNE

La Vrille è una piccola azienda vitivinicola di 2 ettari e mezzo. I vigneti sono prevalentemente dislocati in un anfiteatro naturale, con esposizione sud/sud-est, intorno all’agriturismo.
In quest’area crescono naturalmente diverse piante del bacino mediterraneo, come il timo, le cui caratteristiche sono molto evidenti nei nostri vini ed in particolare nel Chambave Muscat versione secca e versione passita.

Il lavoro nelle vigne guarda al rispetto della natura. La cura e l’attenzione al terreno sono in prima linea per la buona salute della pianta. Si lavora quasi esclusivamente a mano con poca meccanizzazione. I trattamenti sono ridotti al minimo anche grazie a lavorazioni accessorie che permettono di avere piante forti e condizioni sfavorevoli alle malattie. I prodotti usati sono ammessi in agricoltura biologica perché crediamo nel rispetto per l’ambiente e per le piante.

LA CANTINA

La cura che si riserva alla coltivazione della vigna continua poi in cantina dove vengono assecondati i naturali processi per la vinificazione senza inutili ed eccessive manipolazioni del vino. La cantina, realizzata nel 2005, è stata scavata nella roccia e ospita una sala degustazione e un locale per l’affinamento e l’imbottigliamento del vino.

LA PRODUZIONE

Nel locale vinificazione si trovano diverse vasche in acciao inox a temperatura controllata per la lavorazione dei vini rossi e due vasche coibentate per la lavorazione del Muscat.

I terreni di Hervé danno vita ai vitigni Vuillermin, Petit Rouge, Cornalin, Fumin, Muscat, Pinot Noir (tutti autoctoni eccetto il Pinot Noir che ha origine nella regione francese Bourgogne) e il Muscat, vitigno storico della tradizione valdostana.
Oggi si producono circa 18.000 bottiglie e l’obiettivo è di mantenere questa filosofia di qualità legata ad una produzione annua limitata.